3 libri da leggere per scrivere storie memorabili

ragazza che legge libri per imparare a scrivere storie memorabili
3 libri da leggere per scrivere storie memorabili 1080 628 Anna Lisa Di Vincenzo

Per scrivere bisogna leggere.

Questa è una delle grandi certezze della vita. Leggere – e capiamoci, leggere qualsiasi cosa – aiuta ad interiorizzare una serie di costruzioni, espedienti linguistici e vocaboli fondamentali per chi usa penna e tastiera per lavoro.

I libri che ti consiglio oggi sono molto diversi tra loro, ma ti apriranno nuove strade per costruire storie da Oscar.

1. Il viaggio dell’eroe, di C.Vogler

Prima, le basi.

Ogni storia, da quella che raccontiamo in pizzeria agli amici a quella che guardiamo sullo schermo di un cinema, poggia su delle regole e su una struttura canonica.

La narrazione parte da un protagonista, l’eroe, e dal percorso che questo fa per raggiungere un obiettivo.

In questo manuale troverai molta teoria, a partire dal modello di Campbell, ma anche una rielaborazione narratologica che parte da Aristotele, arriva a Freud e Jung, fino a toccare le pellicole di Lucas e Spielberg.

Consigliato perché devi conoscere le regole. Per romperle.

2. Storie che incantano, di A. Fontana

Andrea Fontana ha basato tutta la sua ricerca sull’uso della narrazione in ambiti molto lontani da quello letterario. Dalla politica alla comunicazione pubblicitaria.

Nell’epoca dello storytelling, della costruzione di messaggi che coinvolgano le persone, toccando le loro corde più profonde, ecco che non si può fare a meno di conoscere questo autore e le sue analisi.

In Storie che incantano la tesi è che i racconti di marca e di prodotto possono fare la differenza: saper raccontare diventa necessario per farsi ascoltare, in qualsiasi settore, e Andre Fontana ci lascia esempi e qualche suggerimento che sarebbe un peccato perdersi.

Consigliato a te che vuoi guardare con occhi nuovi il tuo lavoro nella comunicazione.

3. Grammatica della fantasia. Introduzione all’arte di inventare, di G. Rodari

Personalmente, credo che Rodari sia uno dei grandi della letteratura italiana. Se non ne sei convinto, leggi questo libro e magari ne riparliamo.

I principi che lo scrittore afferma fortemente nel testo sono il valore della parola e dell’immaginazione, e il ruolo educativo della fantasia.

Un vero classico che rende accessibili i processi e le regole per creare una storia, un racconto, una narrazione. Una serie di spunti, idee, riflessioni che permettono di accedere a quel mondo incontaminato che è la creatività.

Rodari parla principalmente dello scopo educativo, dell’importanza di insegnare in modo “differente”, ma possiamo applicare lo stesso concetto anche al nostro mondo e alla nostra quotidianità.

Consigliato per liberare, finalmente, il tuo potenziale creativo.

Questo articolo è tutta un’altra musica, vero? E non hai ancora visto niente. Partecipando al corso Content Rocker impari a trovare il giusto “tono di voce” per il tuo brand e a creare contenuti memorabili che si fissano nella mente dei tuoi lettori, come un assolo di Freddy Mercury. Sali sul palco e fai alzare in piedi il tuo pubblico! E per richiedere la nostra consulenza in Digital Marketing e promuovere efficacemente tua azienda, scrivici subito qui.

Condividi questo articolo

Anna Lisa Di Vincenzo

Copywriter freelance, divoratrice di libri e accumulatrice seriale di borse, bottoni vintage e stoffe a pois. Laureata in Scienze dell'Informazione a Parma, specializzata in Informazione Editoria e Giornalismo a Roma con una tesi sul Marketing dell'Editoria, ha fatto del Content Management uno strumento per far emergere la sua anima ottocentesca nel mondo contemporaneo.